LinkedIn Ads farmaceutico

Share on linkedin
Share on facebook
Share on twitter
Questo caso di studio riguarda l'ADS su LinkedIn per il settore farmaceutico.
Case Study: Linkedin Ads Farmaceutico

Il mercato del mondo del farmaceutico è estremamente complesso, per un motivo in particolare: SE SVILUPPATE MALE LE CAMPAGNE, NON VENGONO APPROVATE.

Perché?

I motivi sono diversi. Tra i principali, c’è il fatto che LinkedIn NON autorizza la promozione di molti prodotti poiché NON vuole sporcare l’esperienza dell’utente con prodotti di cura miracolosi.

In questo caso, il lavoro si concentra sull’acquisizione dei lead seguendo la strategia proposta di seguito:

OBIETTIVO: PORTARE 6 LEAD QUALIFICATI MESE

Fase 1: DEFINIZIONE DEL CLIENTE TIPO

Dopo una fase di apprendimento del servizio / prodotto, abbiamo definito 4 tipologie di target.

Fase 2: DEFINIZIONE DEL MESSAGGIO

Nella fase successiva, abbiamo lavorato sulla definizione del messaggio per poter comunicare l’AWARENESS, che è fondamentale nell’ambito farmaceutico perché non deve esserci nessun riferimento al prodotto, ma solo e soltanto la mission e la vision dell’azienda.

Per poter definire il messaggio e, quindi, l’AWARENESS, abbiamo deciso di procedere su due tipologie di campagne:

COLONNA DESTRA
VIDEO VIEWS

Fase 3: BLOG POST + RETARGETING

Partendo dall’idea che LinkedIn viene utilizzato dalle persone come un canale di informazione, abbiamo deciso di creare alcuni articoli di informazione molto utili al nostro target.

Cosa abbiamo fatto nello specifico?
Siamo partiti dalla stesura di alcuni articoli;
abbiamo creato una campagna in retargeting su Persone che hanno visto almeno il 25 % – 50% < 50% del video;
analisi e ottimizzazione: dopo 7 giorni, abbiamo naturalmente aumentato il budget sulle campagne che performavano meglio.

NB.
Nel momento in cui le persone scrollavano l’articolo, vi era un pop up che raccoglieva l’e-mail delle persone. Da lì, venivano rimandati ad un sales che si metteva in contatto con il lead.
Fase 4: CONVERSIONE

Dopo circa 45 giorni, avevamo molti dati grazie:

ALLA PERCENTUALE DI VIDEO VIEWS
PERSONE CHE LASCIAVANO L’E-MAIL
TRACCIAMENTO DEL PIXEL DI LINKEDIN

Abbiamo perciò creato queste campagne:

retargeting per video views;
retargeting per persone che lasciavano l’e-mail;
retargeting grazie al tracciamento di LinkedIn.

Abbiamo messo in pratica queste campagne in due modi:

servendoci del messaggio diretto Inmail;
offrendo una partnership diretta su un prodotto specifico che veniva naturalmente menzionato durante gli articoli scientifici creati.

Share on linkedin
Share on facebook
Share on twitter

Ti interessa fare Lead Generation con LinkedIn?