LINKEDIN ADS: COME SVILUPPARE UNA STRATEGIA VINCENTE

Share on linkedin
Share on facebook
Share on twitter

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE PRIMA DI LANCIARE LA TUA PRIMA CAMPAGNA

Ecco cosa mi capita ogni giorno:

A: “Ciao Giovanni, ti scrivo perché vorrei collaborare con la vostra agenzia in una capagna di lead generation ads su Linkedin”Io: “Avete già fatto campagne di questo tipo su Linkedin?”

A: “Si abbiamo speso 100 € al giorno ma non abbiamo avuto risultati”

Da li gli scenari sono due:

1. Quella azienda non aveva assolutamente bisogno di fare Linkedin ads, (ma un processo di lead generation diverso tramite sales navigator o inbound)

2. Sviluppava una strategia di Linkedin Ads in questo modo:

·     Cliccano su Conversioni

·     Da li inseriscono 2 / 3 parametri di segmentazione

·     Mettono un copy ed una grafica

·     E pensano che il gioco sia fatto.

Beh mi dispiace ma il gioco delle Linkedin Ads è un gioco costoso.

E’ questo ti porterà solo e soltanto a bruciare tanto tanto budget.

Perciò non farlo assolutamente.

LINKEDIN ADS: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI PARTIRE

LinkedIn è assolutamente il social perfetto per raggiungere il tuo potenziale cliente B2B.

Esistono fondamentalmente 4 modi per sviluppare una strategia di Lead Generation:

1 Lead Generation tramite sales navigator

2 Content Marketing

3 Linkedin Ads

4 Social Selling

Naturalmente il punto 1 / 2 / 4 / ha centinaia di variabili ma ne abbiamo parlato in decine di articoli e post.

Oggi parleremo solo e soltanto di Linkedin ADS.

LINKEDIN ADS: PANORAMICA GENERALE

La possibilità di individuare un target specifico e la certezza che determinati utenti siano effettivamente presenti sulla piattaforma sono i due aspetti principali che inducono le aziende a promuovere i propri servizi o prodotti B2B su LinkedIn.

Le funzionalità di LinkedIn Ads permettono di raggiungere molteplici obiettivi come ad esempio:

·     Aumentare la brand awareness;

·     Avere più visite sul proprio sito web;

·     Generare maggiori engagement;

·     Ottenere maggiori visualizzazioni;

·     Lead generation;

·     Aumentare il tasso di conversione;

·     Pubblicare un annuncio di lavoro.

TARGETING SU LINKEDIN:

Diamo un primo sguardo veloce alla segmetazione che possiamo svolgere su questa piattaforma:

Location

Potrai selezionare sia utenti che hanno vissuto in uno specifico posto, sia esclusivamente coloro che vi risiedono attualmente. Ovviamente LinkedIn può fornire tali informazioni solo se l’utente selezionato si è preoccupato di inserirle e aggiornarle.

Lingua 

Puoi scegliere di colpire un pubblico che ha selezionato sul suo profilo una lingua ben precisa.

Esempio potresti colpire tutte le persone che parlano in russo in america.

Education

Selezionare solo un pubblico con un determinato titolo di studi e formazione può essere determinante al fine di non divulgare un messaggio ad utenti che non hanno determinate conoscenze per poterlo comprendere.

Esperienza lavorativa

È una delle opzioni più interessanti che LinkedIn permette di selezionare. Nessun’altra piattaforma infatti, permette di poter scegliere questa opzione.

Interessi

Selezionare uno o più gruppi permette di scegliere tra utenti sicuramente interessati ad un determinato argomento. 

Tipo di industria/azienda (grandezza e fatturato)

Potrai selezionare un nome specifico di un’azienda aggiungendola nella sezione Company Name, oppure selezionare una serie di imprese basandosi sul numero di dipendenti associati al profilo aziendale.

Dimensioni Azienda

Puoi colpire aziende per fatturato / numero di dipendenti

Anzianità

manager, direttori, vicepresidenti, fondatori, ecc.)

Industria

Tipologia di settore ecc

Cosa notiamo?

Linkedin ti permette un’altissima profilazione, la forza di Linkedin è infatti poter interagire e di conseguenza mostrare i tuoi annunci a Decision Maker delle aziende di riferimento.

NUMERI E STATISTICHE: LINKEDIN 2021

Le aziende B2B affermano che il 46% del loro traffico sui social media proviene da LinkedIn.

Il 97% dei marketer B2B ammette di utilizzare LinkedIn come canale di distribuzione dei contenuti.

Il 91% dei dirigenti di marketing su LinkedIn afferma che LinkedIn è la loro fonte di contenuti di alta qualità.

Il 78% dei marketer B2B ha riferito che LinkedIn è la piattaforma di social media più efficace per i propri sforzi di Content Marketing.

Il rapporto visitatori-lead di LinkedIn è del 2,74%. Questo numero è molto più alto di Facebook e Twitter.

Il 43% dei marketer B2B ha affermato che LinkedIn ha generato entrate dirette per loro.

Il 58% dei marketer B2B ha affermato che LinkedIn Ads ha fornito il ROI più alto per loro, alla pari con Facebook.

I marketer B2B hanno segnalato una percentuale di view-through del 30% dei loro annunci video di LinkedIn.

LinkedIn InMail ha un tasso di risposta superiore del 300% rispetto all’email.

Quali sono i pro:

1. Targeting

Segmentazione estremamente precisa. Basata non solo su interessi ma sul settore, studio, posizione in lavorativa, dimensione.

2. La percezione della piattaforma

Le persone entrano su Linkedin con un approccio business.

Contro

1. CPC // CPM

Se non strutturi correttamente Le campagne rischi di spendere molti soldi

2. La piattaforma è un work in progress

Quasi ogni settimana ci sono aggiornamento lato:

Analisi Dati

Ed ottimizzazione della piattaforma

DOMANDA 2.

Perchè fare ADV su Linkedin?

1.    Hai la possibilità di targetizzare le aziende alto spendentI

2.    Le persone sono propense ad acquistare o lasciare I loro dati per un contenuto di valore.

Infatti: nel 2019

Hubspot afferma che Linkedin è 277 volte più efficace di Fb e Twitter

3.    E’ vero che il cpc ed il cpm è un po’ più alto, ma con una corretta strategia puoi eliminare la prima parte del funnel ossia quella di prospecting

4.    Linkedin non è nient’altro che la trasposizione del vecchio b2b però in formato digitale

Infatti L’88% degli scambi commerciali b2b sono avvenuti su Linkedin

LA DOMANDA DELLE DOMANDE: COME DECIDE LINKEDIN QUALE INSERZIONE MOSTRARE?

Esempio pratico.

Se inserzionista A ed Inserzionista B hanno lo stesso target come decide Linkedin quale inserzione mostrare?

Linkedin funziona con un meccanismo ad asta chiamata ASTA ALL’AMERICANA ossia..

1. Tu naturalmente non sai chi sono gli altri inserzionisti

2. Saprai quanto stanno spendendo in media

3. Vince chi avrà un relevance score superiore alla media non solo chi offre di più

Esempio pratico: meccanismo di asta all’americana

Se A offre 10 € // E B ne offre 9 € Vincerà A ma spendera’ 9,01 €.

A tutto questo si aggiunge il principio di relevance score.

Per evitare che le inserzioni vengano monopolizzate e di conseguenza possano essere presenti solo i BIG BRAND sulla piattaforma, per rendere la piattaforma più competitiva Linkedin ha inserito dei principi di pertinenza ed efficacia (ossia il relevance score).

Relevance Score, in cosa consiste?

CTR

Commenti

Like

Condivisioni

Commenti

Il relevance score non è altro che un moltiplicatore del tuo BID.

Esempio concreto:

Se A punta 12 ed ha un relevance score di 4 il totale del suo punteggio è 48

Se B punta 10 ma ha un relevance score di 6 il totale del suo punteggio è 60

Vince B anche se ha puntato di meno.

Perciò non avete moltissimo budget?

Lavorate su:

Copy, creatività, e segmentazione perfetta.

LINKEDIN ADS VS TUTTE LE ALTRE PIATTAFORME

A dispetto delle altre piattaforme Linkedin “perde” per il suo CPC molto Alto ma di conseguenza “vince” per la tipologia di approccio basato sulla vendita e per la capacità di segmentazione perfetta.

 dispetto delle altre piattaforme Linkedin “perde” per il suo CPC molto Alto ma di conseguenza “vince” per la tipologia di approccio basato sulla vendita e per la capacità di segmentazione perfetta.

LA DOMANDA DELLE DOMANDE pt 2: QUANDO FARE LINKEDIN ADS?

Linkedin è utile se:

1.    Vendi prodotti e servizi B2B

2.    Se vuoi fare Recruiting ( non è di mia competenza non so come aiutarvi)

Se vuoi vendere prodotti e servizi B2B devi sincerarti che:

Se il Life Time del tuo cliente IN ITALIA è sotto 8-10k Nel 80/90% dei settori è estremamente sconsigliato.

Se il Life Time del tuo cliente ALL’ESTERO è sotto 15-20k Nel 80/90% dei settori è estremamente sconsigliato.

LA DOMANDA DELLE DOMANDE pt 3: QUANTO BUDGET?

Qui davvero la risposta è sempre dipende 

Però posso dirti che sotto 100 € al giorno è davvero impossibile avere una strategia adeguata.

LINKEDIN: Cosa ti serve per iniziare?

1.    Un account pubblicitario

2.    Una pagina aziendale

3.    Un target estremamente preciso

4.    Un servizio estremamente chiaro e testato

RICORDA SU LINKEDIN LA VERTICALITA’ VINCE SULLA ORIZZONTALITA’

Ultimo punto.

5.    Serve un trigger point

Di seguito una breve infografica in base all’impegno del cliente.

Naturalmente più il cliente si dimostra interessato o lascia i dati in base a ciò che hai creato più sarà “caldo” e di conseguenza pronto a comprare.

Ecco come si presenta l’account manager di Linkedin Adv, è molto molto simile al business manager di Facebook.

Analizziamo il tutto:

L’account è naturalmente collegato alla tua pagina aziendale.

NB: Non puoi avere più pagine aziendali in un singolo account.

1 ACCOUNT = 1 PAGINA AZIENDALE

Gruppo Campagne: Il gruppo campagne ti permetterà di racchiudere tutte le campagne create per un singolo evento.

ES: GRUPPO CAMPAGNA = STRATEGIA EBOOK X CONSULENTI FINANZIARI

Campagne: Le Campagne sono naturalmente tutte le singole Campagne Sviluppate all’interno del gruppo campagne

ES: CAMPAGNA = EBOOK ANNUNCIO VIDEO

Annuncio: Ogni Campagna può avere più annunci

ES: CAMPAGNA = EBOOK Grafica 1 copy 1 / EBOOK Grafica 1 copy 2 / ecc

LINKEDIN ADS: L’ANATOMIA DEL ACCOUNT MANAGER

LINKEDIN ADS: TARGET ED AUDIENCE 

Ecco una serie di infografiche che ti permetteranno di ottimizzare la tua Audience

LINKEDIN ADS: TARGET ED AUDIENCE 

Ecco una serie di infografiche che ti permetteranno di ottimizzare la tua Audience

Alcuni dati per non perderti:

Una buona audience IN ITALIA è fra i 5 / 20 mila.

ATTENZIONE sono dei semplici numeri per non perderti però se la tua audience supera i 20 mila SEGMENTA SEMPRE.

Ricorda

Verticalità > Orizzontalità.

ALCUNI TRICK:

I business development sono le categorie più colpite. Se il tuo target sono loro puoi usare altre strategie meno costose

  1. Escludi tutti i tuoi clienti attuali
  2. Escludi tutte le aziende che sai già che non sono interessate
  3. Disabilità l’espansione del network
  4. Anzianità lavorativa e no anni di esperienza

LINKEDIN ADS: IL PIXEL DI TRACCIAMENTO IL PIXEL DI LINKEDIN

Perché hai bisogno del pixel di LinkedIn

I dati sono potenti … ma non puoi raccogliere dati se non hai impostato il monitoraggio.

L’aggiunta di un tag LinkedIn Insight alle pagine del tuo sito web (inclusi eventuali sottodomini o sezioni del blog!) Ti consentirà di monitorare esattamente chi ha visitato la tua pagina.

LinkedIn Pixel tiene traccia delle conversioni e degli eventi, offrendo l’opportunità di apprendere cosa funziona o cosa no e ottenere informazioni preziose sulle tue campagne pubblicitarie.

Sarai in grado di monitorare le interazioni del sito web dopo aver fatto clic in modo da poter retargetizzare i lead e gli acquisti persi. Creerai anche una migliore ottimizzazione della qualità e migliori analisi.

Successivamente, puoi utilizzare tali informazioni per eseguire il retargeting specifico di quelle stesse persone con annunci LinkedIn.

Onnisciente, onnipotente: sei fondamentalmente il Mago di Oz, ma sei il sito di networking aziendale più grande del mondo.

Il LinkedIn Insight Tag è una parte di codice JavaScript che puoi aggiungere al tuo sito Web per agevolare il reporting approfondito delle campagne e ottenere preziose informazioni sui visitatori del tuo sito Web. puoi utilizzare il LinkedIn Insight Tag per monitorare le conversioni, reindirizzare i visitatori del sito Web e ottenere altre preziose informazioni sui membri che interagiscono con i tuoi annunci.

Il LinkedIn Insight Tag permette la raccolta dei dati relativi alle visite dei membri al tuo sito Web, tra cui l’URL, il riferimento, l’indirizzo IP, le caratteristiche del dispositivo e del browser (Agente utente), la data e l’ora. Gli indirizzi IP sono troncati o (se utilizzati per raggiungere i membri sui dispositivi) crittografati e gli identificatori diretti dei membri sono rimossi nell’arco di sette giorni in modo da rendere anonimi i dati. I dati rimanenti, pseudonimizzati, vengono eliminati entro 180 giorni.

Ecco come installarlo:

Vai su dati demografici sito web:

Accedi e vai a LinkedIn Campaign Manager.

Fai clic su Risorse dell’account e seleziona Insight Tag dal menu a discesa.

Fare clic sul pulsante blu Installa My Insight Tag.

Scegli come installare l’inshight tag

Da qui, fai clic su Gestisci tag Insight e quindi seleziona Visualizza tag dal menu a discesa.

Seleziona la casella di controllo “Installerò il tag da solo” per visualizzare il codice Insight Tag.

Copia il codice Insight Tag negli appunti.

Sul back-end del tuo sito web, incolla questo codice Insight Tag subito prima della fine del tag </body> nel piè di pagina globale su ogni pagina del tuo sito, inclusi i sottodomini.

Quindi, assicuriamoci che il tuo LinkedIn Pixel funzioni effettivamente.

Vai a LinkedIn Campaign Manager e fai clic su Risorse account.

Seleziona Insight Tag dal menu a discesa.

Qui dovresti vedere il nome del tuo sito web in Domini con tag.

Una volta che un membro di LinkedIn ha visitato, il tuo dominio verrà contrassegnato come “Attivo”.

LINKEDIN ADS: Obiettivi Campagne

Il primo passo è decidere quali obiettivi o obiettivi desideri raggiungere con il tuo annuncio LinkedIn.

I diversi obiettivi disponibili sono:

·     Costruisci la consapevolezza del marchio,

·     Aumenta le visite al sito web,

·     Aumenta il coinvolgimento,

·     Aumenta le visualizzazioni dei video,

·     Genera più contatti,

·     Migliora la conversione del sito web e

·     Ottieni candidature per il tuo annuncio di lavoro

Se siamo nella parte alta del funnel consiglio assoultamente.

CONSIDERAZIONE:

Da li in base alla tua strategia, scegli:

·     Sito Web

·     Interesse

·     Visualizzazioni Video

Il passo successivo è selezionare un pubblico di destinazione per l’obiettivo che hai deciso.

Perciò decidi:

Luogo

Settore

Tipologia di Azienda

Tipo di decision maker

Ecco tutti i tipi di decision maker in base a livello di anzianità:

Proprietario Ha la piena o quasi totale proprietà di un’organizzazione

Il partner ha una sostanziale proprietà parziale di un’organizzazione

CXO ha responsabilità di leadership per l’intera funzione aziendale all’interno di un’organizzazione

Vicepresidente Posizione dirigenziale con responsabilità di leadership per una particolare funzione o unità aziendale

Direttore Posizione di gestione multifunzionale che ha responsabilità di leadership per più gruppi di individui

Manager Posizioni che hanno responsabilità di leadership per un singolo gruppo di individui

Collaboratore individuale senior Posizioni di contributore individuali che non hanno rapporti diretti ma hanno responsabilità di leadership, conoscenze avanzate e non richiedono una guida immediata

Formazione Studenti, stagisti e tirocinanti che necessitano di una guida immediata per contribuire individualmente

Non retribuito Include posizioni di volontariato e posizioni che non si riferiscono a un lavoro

LINKEDIN ADS: TIPOLOGIA DI ANNUNCI

Ecco tutti i tipi di annunci su Linkedin ADV

REMARKETING LINKEDIN ADS: Come farlo? 

Il retargeting del sito web offre agli inserzionisti la possibilità di reindirizzare i visitatori del loro sito web con contenuti pubblicitari su LinkedIn . Aggiungendo il LinkedIn Insight Tag al loro sito web, gli inserzionisti possono abbinare i loro visitatori del sito web ai membri LinkedIn per un ulteriore coinvolgimento. Gli inserzionisti possono anche utilizzare con i segmenti demografici per un retargeting del sito Web LinkedIn targeting più raffinato.

Per configurare il pubblico di retargeting: Accedere a Gestione campagne .

Fai clic sulla correzione nome account per cui vuoi configurare. retargeting del sito Web

Fai clic sul menu a discesa Risorse Audience corrispondenti account nella parte superiore della pagina e seleziona .

Fai clic sul pulsante Crea gruppo di destinatari in alto a destra nella pagina

Seleziona Pubblico del sito web dall’elenco a discesa.

Assegna un nome al tuo pubblico.

Aggiungi gli URL dei siti web che vuoi reindirizzare.

Remarketing su Linkedin alcuni dati interessanti:

Dimensione minima 300 utenti

Costo molto basso

Durata Cookie 90 giorni

Quando sviluppi campagne di remarketing escludili nella fase Cold

CAMPAGNA LINKEDIN COME OTTIMIZZARLE?

 Noti che le campagne non performano?

Oppure arrivano sul sito ma non lasciano i dati?

Ecco una serie di considerazioni interessanti, controlla sempre:

·     Copy

·     Headline

·     Cta

·     Immagini

·     Freebie

·     Landing

·     SQL PROCESS

Sopra troverai una infografica che ti permetterà di capire che impatto ha un cambiamento all’interno della tua sponsorizzata:

Copy -> impatto piccolo

SQL / Process -> grande impatto

(verde grande impatto) -> (rosso impatto piccolo)

LINKEDIN ADS: PRELUDIO

MQL VS

MQL è una lead più propensa ad acquistare rispetto ad una lead normale, poiché magari ha letto i nostri contenuti ed usufruito di contenuti contenuti gratuiti sui social ecc

SQL invece è lo stadio successivo, poiché ci ha dimostrato di essere molto più propenso al nostro prodotto /servizio

Esempio:

MQL ha scarico una checklist

SQL ha richiesto una demo

Nel momento in cui avrete lanciato le vostre ads attive si potranno presentare 3 scenari:

CTR -> Inferiore dello 0,4 %

CTR -> dallo 0,4% al 1%

CTR < 1% passa a CPM

Cosa fare?

CTR -> Inferiore dello 0,4 % blocca le creatività

CTR -> dallo 0,4% al 1% aggiorna copy e creatività

CTR < 1% passa a CPM

COME DETERMINARE UNA CAMPAGNA VINCENTE?

CTR > 1%

CPC PIU’ ALTO A PARITA’ DI CAMPAGNA NELLO STESSO SETTORE

CONVERSION RATE CHE CI PERMETTE DI AVERE UN ROAS ALMENO SOPRA 2.5

Bene ora hai tutto quello che ti serve per performare al meglio


Share on linkedin
Share on facebook
Share on twitter

Ti interessa fare Lead Generation con LinkedIn?